Cucce per gatti da esterno




2 (40%) 11 votes

cuccia gatti per esterno

Anche se di solito i gatti stanno in casa, chi ha un giardino o un terrazzo a disposizione e vive in una zona tranquilla può anche farli stare all’esterno, permettendo loro di godere dell’aria aperta, di fare esercizio fisico e di esercitare i loro naturali istinti da predatori. Anche quando i gatti vivono all’aperto, però, hanno bisogno di un luogo tranquillo dove dormire e riposare al riparo dal sole e dalla pioggia; per questo, anche i gatti che stanno all’esterno hanno bisogno di una cuccia.

Le cucce per gatti non sono molto diverse da quelle per cani, se non per la dimensione; in generale, una cuccia per un cane di piccola e media taglia può tranquillamente essere utilizzata anche per un gatto. Le cucce da esterno possono essere di varia foggia e misura, ma in genere possono essere realizzate in legno oppure in plastica; possono essere delle semplici casette con tetto spiovente oppure essere più elaborate, con due o più piani, terrazzi e verande. Quelle più elaborate sono in genere maggiormente gradite ai gatti, che amano muoversi e saltare.

Le cucce in legno sono spesso quelle considerate esteticamente più gradevoli, e sono anche quelle da preferire nel caso si voglia intraprendere un progetto di fai da te e costruire da soli la propria cuccia; in genere sono inoltre ben coibentate e proteggono egregiamente sia dal caldo, dal freddo che dalla pioggia. Essendo più pesanti e resistenti, rimangono al loro posto anche in caso di forti venti, ma allo stesso tempo sono più difficili da trasportare. Un aspetto negativo da non sottovalutare delle cucce in legno è il fatto che hanno bisogno di molta manutenzione: anche quelle che vengono vendute con una passata di impregnante devono infatti essere nuovamente pitturate con l’apposita vernice impregnante ad ogni inverno, in modo da mantenere la propria impermeabilità. Le cucce in legno sono inoltre soggette agli attacchi delle termiti e tendono ad assorbire gli odori, anche quelli degli animali.

Di contro, le cucce in plastica sono un’opzione generalmente più leggera ed economica, e hanno bisogno di pochissima manutenzione: possono essere lavate con acqua e un normale detergente diluito, e questo le rende un’opzione migliore nel caso in cui gli animali sporchino in giro. Il fatto che siano leggere però è anche un lato negativo: essendo molto leggere, infatti, le cucce di plastica possono essere facilmente ribaltate dal vento. Sebbene alcune siano coibentate, in genere l’isolamento termico è peggiore di quelle in legno, sia dal caldo che dal freddo; nel caso in cui si scelga una cuccia in plastica può essere opportuno applicare un ulteriore stato coibentante. Un altro svantaggio è costituito dalla resistenza al sole: i materiali plastici tendono infatti a scolorire in seguito a una lunga esposizione ai raggi solari, cosa che in genere non avviene con le cucce in legno.

 

Cucce da esternoCostoMaterialeMisure
cuccia gatto esterno plasticaPrezzo ->>plastica 60 x 50 x 41 cm
cuccia gatto esterno in legnoPrezzo ->>legno di pino 73 x 77 x 50 cm
cuccia esterno tetto tiragraffiPrezzo ->>legno 43 x 38 x 30 cm
cuccia esterno termoregolataPrezzo ->>legno42 x 25 x 30 cm

Qualsiasi sia la cuccia che sceglierete, è importante ricordare di mettere qualcosa al suo interno per renderla più comoda per il vostro gatto: l’ideale sarebbe mettere una coperta o un cuscino con il vostro odore o quello del gatto, in modo che riconosca immediatamente la cuccia come sua.

 



Ti potrebbero interessare...